28.2.03

[choco] domani e dopodomani (1 e 2 marzo) a roma equocioccolato, festa del cioccolato equo e solidale. in via dei sabelli 119, a san lorenzo.

26.2.03

[sanza voce spot] per giocare sono sufficienti due squadre, almeno nominalmente avverse; due conduttori che -per la ribalta- si detestino a distanza; due episodi che risuonino nell'inizio settimana (i.e. morte di un attore popolare e importante, scontri preventivi su una trasmissione popolare ma seccante); due serate una a ridosso dell'altra (benissimo un lunedì-martedì, ma anche altre accoppiate); una seconda serata mai vista così telefonata; necessariamente una tv.
per fare pratica utilizzare un comune telecomando che abbia almeno due pulsanti (più spegnimento e regolazione volume) con i quali alternare la visione dell'una e dell'altra arena a intervalli vieppiù ridotti, sia la prima che la seconda sera.
il terzo giorno se sopravissuti all'esercizio rispondere alle seguenti domande:
su quale canale sonnecchiava la marini e in quale puntata?
quale psicologo è stato invitato da vespa? quale da costanzo? quale psicologo manca all'appello?
quale dei due conduttori si e' piu' autocitato mandando in onda spezzoni delle proprie trasmissioni e delle proprie interviste?
chi e' il morto di cui si parla (a scelta: sordi sgarbi il festival) e dove?
chi era il travestito da costanzo? chi era il travestito da vespa?
cos'ha kezich nell'orecchio?
quante volte mollica ha detto caro amico?
quante volte ve lo potete sentir dire prima di pensare che vi stiano prendendo per il culo?
al festival volete la pampanini la parietti o giacinta?
[il brillante titolo del post l'ho ricavato da qui]

[cda sordimuto] il cda rai di cui ogni giorno si predice (e si auspica) la dismissione continua a inanellare prodezze, e nell'occasione della sua morte manda in onda il film di sordi che evidentemente si e' meritato lui, il cda.

24.2.03

[aulla] ieri per iniziativa del sindaco Lucio Barani ad aulla (mc) e' stata inaugurata la statua in marmo di bettino craxi, martire, esule, pater patriae, raffigurato secondo l'iconografia del periodo tunisino (sahariana e mocassini, un po' come anche fidel). barani non e' (n)uovo a iniziative dello stesso tono: nel marzo del 2002 organizzo' un tiro a segno con uova che aveva per bersaglio due gigantografie di di pietro (un uovo un euro: il ricavato devoluto alla costruzione di una tomba per craxi); piu' tardi o poco prima divise la piazza intitolata a gramsci riservandone la meta' al craxi medesimo; entrando nel suo comune anni fa si leggeva la targa 'comune depietrizzato' [mi fanno notare l'incongruenza, ma cosi' l'ho trovato indicato: probabilmente si intendeva de-dipietrizzato]; inoltre, secondo repubblica, il consiglio comunale avrebbe deciso di intitolare una via al "22 novembre 1994", giorno in cui berlusconi capo del governo ricevette l'avviso di garanzia.

21.2.03

[ai naviganti] per quanti arrivano su questa pagina cercando vendita-bandiere-pace (circa la meta' dei visitatori) (5) e verosimilmente si danno una revolverata, informo che i punti vendita li si trovano su www.bandieredipace.org, gli indirizzi delle botteghe eque sono qui; le coop qui (ma non danno informazioni telefoniche sulla presenza delle bandiere; ne danno anche una spiegazione che non ricordo)

[sf&cartoon] dal 25 febbraio con repubblica si possono acquistare i grandi classici del fumetto. si comincia con pratt-maltese (gratuito) e poi dal 28 e per ogni venerdì per 4,90 euro ci saranno tex, uomo ragno, peanuts, pazienza, x-men, valentina, ken parker e altri.
dal marzo invece riparte urania collezione con due volumi insieme: il classico del cyberpunk neuromante (gibson, 1984, con prefazione di bonelli -quello di tex) e io robot (asimov, 1950, con prefazione di wu ming 4 -quello di luther blisset); seguiranno bradbury (cronache marziane), finney (l'invasione degli ultracorpi), e altri.
gibson cura anche alien sex, antologia di racconti in uscita da mondadori.
per finire, e per mischiare, il 22 febbraio a modena si terra' la premiazione del concorso omelas, la fantascienza per i diritti umani (sic) organizzato in collaborazione con amnesty.

20.2.03

[kit] Per fronteggiare la minaccia di un attentato è bene che ogni famiglia predisponga un kit di emergenza comprendente cibo e acqua per tre giorni, torce elettriche, una radio con pile, medicine, coperte. In ogni abitazione dovrebbe poi essere individuata una «stanza sicura», dove rifugiarsi in caso di attacco, tenendo a disposizione il nastro isolante necessario a sigillare le aperture in caso di attacco chimico o batteriologico.
(dal corriere ripreso da www.ready.gov che contiene altri suggerimenti pratici per sopravvivere all'emergenza)

18.2.03

[babyboomer] il film non l'ho visto, ma se non ho capito male (sarebbe da mentecatta vista la promozione a tamburo battente) l'adolescente di muccino vuole diventare una velina-letterina-salpiffero con tanto di compromesso sessuale. che il film di muccino possa avere derive pseudo-morali non mi stupirebbe, stante il massacro di rotule patito con l'ammiccante ultimo bacio, tuttavia per rispondere a morale con moralismo vedere il predetto in un ennesimo tour promozionale a quelli che con sfondo di scosciamento di schedine mi ha provocato un certo spaesamento, dovuto al fraintendimento (mio) tra l'opera e il creatore, la denuncia e il mercato (sembra un titolo della fallaci).
in ogni caso pare che la neo-eletta miss padania la ragazza elegante che rispetta i canoni della bellezza classica della Padania: il legame e continuità con la tradizione sono fortissimi abbia già dichiarato che da grande vuole fare la velina.
[avere 17 anni quando li avevo io, a roma, al giulio cesare, un tot di ere fa, era più semplice, non migliore ma più semplice; tutto ciò che c'era da fare era scegliere tra 1) impegno a sinistra 2) impegno a destra 3) disimpegno -nessuna sfumatura. a seconda della scelta che si faceva si frequentavano le persone, i locali, i negozi, i quartieri, e nelle opzioni 1 e 2 le relative sedi di extraparlamentari. la cosa non era indolore -sopratutto se sbagliavi quartiere- e per conseguenza ascrivo all'intervallo 17-23 anni la massima concentrazione di cazzate che mi sia stato possibile realizzare in vita, alcune con strascichi mai esausti.]

16.2.03

[numeri] questo blog ha preso il via a marzo dell'anno scorso, alla vigilia della manifestazione cgil del 23; già allora s'era messo in rilievo l'analista della questura di roma addetto al conteggio dei manifestanti. quest'oggi la questura dice che troppi manifestanti hanno sfilato fuori dall'alveo del corteo principale e che è quindi difficile fornire una cifra, ma stima comunque che i partecipanti siano stati 650 mila

[parole] ancora due parole di curzio maltese: Gianfranco Fini, già pellegrino per decenni alla tomba del Duce, dopo la manifestazione di Roma fa la predica alla sinistra schiava dei no global "anti americani"

[omissioni] emilio fede, ieri sera al suo tg sullo sfondo della bandiera arcobaleno dice come sapete oggi in alcune città del mondo ci sono state alcune marce per la pace; poi guarda in camera e aggiunge: ma pensate seriamente che qualcuno di noi non voglia la pace? (aspettiamo che si risponda da solo)

[opere] a berlino vince l'orso d'oro In this world di michael winterbottom un film su due profughi afgani (che dal confine si spostarono nell'iran). winterbottom vince anche il peace film prize.
tutti i premi.

14.2.03

a proposito della dichiarazione di ieri di sacca' riportata sotto, giova leggere il commento di oggi di curzio maltese su repubblica, che comincia cosi':

Il presidente Baldassarre e il direttore Saccà non sono all'altezza di guidare la prima azienda culturale del Paese e l'hanno dimostrato a tutti, compresi chi li ha nominati. Tuttavia la coppia di giapponesi svolge, a modo suo, un ruolo importante. Quello di ricordare che esistono livelli di ridicolo e di arroganza invalicabili perfino nell'Italia berlusconiana.

e continua qui

***

se invece domani per un caso vi trovaste ad atene invece che a roma.

13.2.03

[war] "Abbiamo detto no alla diretta della manifestazione del 15 perché avrebbe potuto rappresentare una sorta di pressione sul Parlamento". cosi' agostino saccà alla commissione di vigilanza rai.
su opendemocrazy.net la mappa di tutte le manifestazioni e le proteste contro la guerra in tutto il mondo.

12.2.03

[pace] dopo aver rimandato per varie ragioni ieri io e una mia amica abbiamo deciso che era arrivato il momento di versare il nostro contributo a emergency e acquistare la bandiera della pace. a roma, per inciso, non se ne vede mezza almeno nei quartieri in cui viviamo (che sono due e distanti l'uno dall'altro) e in quelli che attraverso di solito -che non sono pochi-. il dato certo con cui partiamo e' che sono in vendita presso le coop (anche queste a roma poche e concentrate in una sola zona) e nelle botteghe del commercio equo e solidale (se mai ci fu esercizio commerciale meno pubblicizzato ...). l'ipercoop nel quale approdiamo all'inizio del pomeriggio non le ha. le avete gia' vendute tutte? no, non le abbiamo mai avute, arrivano giovedi' sera, le trovate venerdi' mattina. il commesso, disponibilissimo ma poco ferrato (in un primo momento ha sostenuto che non fossero in vendita ma in omaggio) si informa anche per sapere se nelle altre due coop della citta' ce ne siano di disponibili, ma non se ne parla prima di venerdi.
quindi decidiamo di sfruttare i potenti mezzi di cui disponiamo e veniamo a capo di indirizzi e numeri di telefono di ben tre botteghe eque che potrebbero averle: la prima che chiamiamo le bandiere non le ha (quante ne volete? due. ah peccato, se ne aveste chieste 150-200 forse c'era la possibilita' di averle prima di venerdi'); la seconda dice si, ne abbiamo ancora 5 ma non possiamo mettervene da parte 2 altrimenti la gente in fila ci lincia pero' se fate in fretta le trovate. decidiamo di fare in fretta -a roma alle 5 di pomeriggio e' da ridere- ma quando entro nel negozio (dopo ben 10 minuti) le cinque persone davanti a me hanno tutte una bandiera in mano. arrivano venerdi'. evvvabbe'. la terza bottega in realta' e' un'edicola: ci arriviamo guidate dal naso e non riusciamo a contattarla per telefono. ovviamente le bandiere della pace non le ha.
abbiamo deciso di presidiare i caselli autostradali giovedi' sera e intercettare il trasportatore.

9.2.03

[ziggy stardust] Genesis Publications are proud to present Moonage Daydream: The Life and Times of Ziggy Stardust, a collaboration between David Bowie and photographer Mick Rock. Published to coincide with the 30th anniversary of the Ziggy Stardust LP's original release, Moonage Daydream is David Bowie's first ever book and the ultimate authorised piece of Ziggy Stardust legend


[berlinale] ricchissima di proposte la 53esima edizione del film festival di berlino.
c'e' gangs of ny (sito uff.) naturalmente, ma anche la riproposizione di solaris (sito uff.) per la regia di soderbergh e the life of david gale (rece) di alan parker.
l'italia e' rappresentata nella sezione principale da io non ho paura (rece) (di salvatores tratto da ammaniti (bol.com)) e nella sezione panorama da pater familias (rece) di francesco patierno e poco più di un anno fa (minirece) di marco filiberti.
la retrospettiva di quest'anno e' dedicata nientedimeno che a murnau, un grande del muto.
[troppi link, venia]

8.2.03

[miss] neanche quest'anno potro' partecipare a miss padania, e probabilmente mai piu'.
l'unico tra i requisiti che soddisfo e' essere dello stesso sesso registrato sul certificato di nascita mentre vado malissimo su avere la cittadinanza o essere residenti da almeno cinque anni in Padania e anche su non rilasciare dichiarazioni non in linea con gli ideali dei Movimenti che promuovono la Padania (benche' sostenga con convinzione la secessione). quest'anno mi dispiace piu' del solito perche' in giuria pare ci siano marano (depresso perche' si sente un affittacamere) e medioman, quello finto, cioe' un ex abitante della casa del grandefratello.

5.2.03

[mdc] la mammadicogne riappare in tv sotto forma del suo illustre difensore che arringa dalla tribuna vespigna lanciando sospetti legittimi e no sull'operato della procura di aosta.
crepet -erede del tuttologismo pariettiano- dice certo un'idea me lo sono fatta, ma non sono cosi' ingenuo da dirla in questa sede.
il criminologo di cui non ricordo il nome rincara i moventi ci sono eccome, ma non saro' certo cosi' scemo da dirveli in tv.
insomma l'unica cretina sono io che guardo e l'unica volpe e' taormina.

4.2.03

per il secondo principio di murphy e il terzo della termodinamica partendo per un viaggio avverra' che: 1) dimentichiate sul comodino tutti i libri amorevolmente preparati per l'occasione; 2) la feria internacional del libro inizi il giorno che dovete partire.

[jet lag] fino a qualche tempo fa una delle prime cose che facevo all'estero era accendere la tv e dare un occhio alle pubblicita': prodotti e tenore degli spot, abbigliamento dei personaggi, piccole informazioni su usiecostumi locali; colgate e il mitico tide gli unici due prodotti onnipresenti ma in forme sempre diverse; una indimenticabile pubblicita' vista in thailandia su un lassativo giapponese -da noi le pubblicita' sui lassativi sono invece molto poetiche, fino all'ultimo non si capisce se si parla di concimi biologici, riviste di poesia o pasticche per indurre i sogni-. da anni ovviamente non e' piu' cosi': la ruota della fortuna c'e' dappertutto e anche i lassativi si vanno uniformando, quelli giapponesi sono scomparsi e la palma del cattivo gusto puo' giusto andare ai pannoloni per incontinenti pubblicizzati da serene signore -che se posso arrivare a settant'anni come loro ci metto la firma- che invariabilmente sentono il bisogno di fare sport pericolosi - tipo le signorine che in quei giorni sentono la necessita' di fare paracadutismo - indipendentemente dal fatto che si possa o no controllare la vescica. poi alla globalizzazione del mercato s'e' unito il potere del satellite che rende possibile epifanie imbarazzanti: nell'unico paese rimasto comunista e nei fumi del jetlag una accende la tv e chi ti appare? socci. che parla? dei misteri di fatima! con chi? signorini e la signorina colle. (chi? niente, dei miracolati). sara' il jetlag. e il rimpianto dei lassativi.