27.5.03

[pardon for my french]

provinciali a roma














25.5.03

[La meglio gioventu'] Il film di Marco Tullio Giordana vince a Cannes il Certain regard dopo aver ricevuto otto minuti di applausi e la standing ovation del pubblico alla proiezione
la lettera degli sceneggiatori Sandro Petraglia e Stefano Rulli, pubblicata oggi da Repubblica di carta

[25 maggio: towel day] A tribute to Douglas Adams: join in on towel day to show your appreciation for the humor and insight that Douglas Adams brought to all our lives.

20.5.03

[cronaca vera] mentre guido serenamente per recarmi al lavoro cantando a squarciagola bonnie tyler in una discutibile imitazione di cate blanchett in bandits (e non e' nemmeno il caso di evidenziare le differenze tra total eclipse of the hearth a 80 km/h sulla pacific highway e gli 8 metri/h incolonnata sulla tiburtina) dal cofano della mia vettura comincia a uscire un denso fumo bianco. siamo in un punto della strada e in un'ora pomeridiana di massimo traffico, la corsia e' strettissima e per quanto ne so io la ragione del fumo potrebbe pure essere un geyser apertosi all'improvviso nell'asfalto. freccia, accosto. un tassista che per superarmi ha rischiato un frontale mi grida dal finestrino: "scenda che puo' essere pericoloso." figuriamoci: scendo immediatamente e mi attacco al cellulare per chiamare il mio meccanico con il quale ho ormai un rapporto spirituale (univoco: lui invece mi pensa ogni volta che entra nell'ala a me dedicata della sua fastosa villa ollivudiana). risponde subito e mi chiede se per caso ho visto alzarsi la lancetta della temperatura prima del fumo: beh non esageriamo, il quadro lo guardo il minimo indispensabile per non distrarmici sopra e incorrere in pericolosi incidenti, quindi non lo so. mi chiede di aprire il cofano e qui divento assolutamente ridicola: non ci riesco; lui dice tira la leva, e io tiro la leva ma la leva oppone resistenza, e dopo qualche minuto di tira-e-non-si-apre si rassegna: ora ti mando il carroattrezzi. resto come un salame sulla via tiburtina, strada romana che collega la citta' a tivoli, fuori dalla macchina, essendo pericoloso.
nessuno si ferma ovviamente, e un po' tutti mi rivolgono qualche gentile parola per mettermi a conoscenza del loro indispettimento (a uno che tenta di insultarmi e andare oltre, rispondo con lo stesso tono di bonnie tyler dopo aver infilato tutta la testa nel finestrino del passeggero grazie al traffico che mi ha consentito di raggiungerlo). al quinto automobilista che rallenta e mi chiede "quanto e dove?" decido che pur essendo pericoloso me ne staro' dentro la macchina. dopo soltanto 45 minuti in cui ho respirato la massima quantita' di gas di scarico della mia vita avvisto il carro attrezzi che si avvicina in senso contrario: esco dalla macchina e comincio ad agitare la mano, non mi vede, il braccio, non mi vede, le braccia, non mi vede! ho paralizzato la circolazione di roma est e questo non mi vede, sventolo la borsa sopra la testa, il giornale, lo chiamo strepitando, niente, il distratto carro attrezzista mi ha superato.

19.5.03

[tlc] ancora un corso di formazione: la tremonti bis ha fatto si' che ci formino ogni due per tre, e tutti, dal lavacristalli all'amministratore delegato. tema centrale e' ancora la flessibilita': dell'azienda, e quindi la nostra, visto che l'azienda siamo noi. abbiamo individuato il nodo delle criticita' aziendali: la mediocrita' dei rapporti interpersonali verticali e orizzontali. perbacco, al costo di innumerevoli migliaia di euro e' un risultato apprezzabile. vediamo le soluzioni: appianare i contrasti, sorriderci di piu', interiorizzare i dannati valori commerciali ed etici dell'azienda. oh bene. vi verremo incontro, voi veniteci incontro (che intanto ci sta venendo incontro la concorrenza che want to be three e non si sa come andra').
due giorni dopo arriva una circolare (siamo la prima azienda paperless del paese!) dalle risorse umane: per il periodo che va da giugno a settembre per via di improrogabili necessita' aziendali i dipendenti tutti -con l'eccezione dei primi tre livelli- potranno avere una sola settimana di ferie. in calce due righe per sdrammatizzare: vi ricordiamo che in autunno e in inverno e' possibile andare al mare in eccezionali localita' esotiche.
ah be', allora.

18.5.03

[pintor] oggi rileggo la signora Kirchgessner.

15.5.03

[agenda] ieri al via il festival di cannes (unico italiano in concorso pupi avati con il cuore altrove);
a torino da oggi fino al 19 fiera del libro; tra le iniziative adotta uno scrittore, per le scuole medie, e l'iniziativa di solidarieta' una biblioteca per s. giuliano, uno dei centri colpiti dal terremoto nell'ottobre scorso.

14.5.03

[avanti silvio] a berlusconi vorrei consigliare di aprire un blog: con cio' sarei libera dalla tentazione alla quale cedo spessissimo di riportare stralci dei suoi deliri verbali decontestualizzati, nonche' consentire a me e a chiunque di visionarli velocemente tutti insieme giorno per giorno. glielo consiglierei con permalink per consegnarsi all'eternita' di blogger o di splinder, e certo senza commenti -giusto per evitare quell'antipatico slurpTM -spam che va di moda ora-. il post di oggi, per esempio, potrebbe intitolarsi [lungimirante visionaria follia] e riferendosi all'intensa giornata (verbale) di ieri potrebbe contenere il richiamo alla tv indecente (quella che gli ha consentito uno show tutto suo in prima serata senza contraddittorio davanti al ginocchio piegato di quello che vede le madonne); due brevi righe sull'affermazione padre Dante non sapeva che poi ci sarebbero state canzoni come 'Avanti popolo'; anche nella musica c'è posto per la cattiveria e sul perche' in perfetto fede-style citi una canzone storpiandone il titolo; un richiamo veloce ai teoremi folli, con la volontà politica di colpire la persona e il premier sui quali si basano le iniziative giudiziarie che lo vedono protagonista e chioserei con Ho dato incarico di perseguire tutti quelli che offendono la carica di presidente del Consiglio e lo farò in termini penali. Non credo di essere illiberale ma di compiere un dovere.
sembra incredibile che abbia potuto dire tutto cio' in un giorno solo, e ho pure tralasciato una delle sue dichiarazioni piu' trash che ieri non si e' peritato di ricordarci (sono innocente, l'ho giurato sui miei figli) nonche' il classico dal 1994 non ci fanno lavorare. su un ipotetico blog del berluz si infrangerebbero pure le regole auree stilate dalla pizia.

13.5.03

[bcbc] e' andata cosi': bellachioma mi consigliava la lettura di un libro che non volevo comprare e nell'arco di due email e' nato il primo esperimento di bellachiomabookcrossing. copertura: italia centro settentrionale (per ora); obbligatoria: la matita per i commenti a margine. vedere la grafia di un blogger per me pennomane fa il paio con il guardarli in faccia.

9.5.03

[unfit to lead europe] il link oggi appare dappertutto, e anche qui. dopo due anni l'economist ripropone quasi lo stesso titolo e dice la sua su berlusconi e la presidenza europea. l'articolo finisce cosi': If Mr Berlusconi is indeed the victim of a plot, he needs to show the world his evidence. The proper way to do that, for a man in his position, is to step down from his public post and defend himself in court. If and when he has fully cleared his name, Europeans may feel easier about having him speak for Europe.

7.5.03

[anniversari]

3.5.03

[del come non commenta le sentenze] (l'assoluzione di Andreotti) liquida il secondo dei grandi teoremi giustizialisti che nella primavera del '93 furono imbastiti per condizionare e deformare il volto della nostra democrazia

2.5.03

[ciavevate creduto] Non ho commentato una sentenza. Ho inteso dare un giudizio storico e politico su dieci anni di storia italiana.

1.5.03

[dalla lettera del presidente al giornale della moglie] "Questo è il nostro caso, e se il caso è questo suonano ipocriti gli appelli ad abbassare i toni. Bisogna alzare il tono della nostra democrazia, bloccare il nuovo ordito a maglie larghe del giustizialismo e impedire che si consumi per la terza volta un furto di sovranità. Ripristinando subito le immunità violate, battendosi per la libertà e la decenza".