14.3.03

[a margine] su repubblica di carta di ieri leggevo dei complimenti di berluz all'ufficio risorse umane di un'azienda per aver avuto occhio e gusto nell'assunzione di personale femminile di bell'aspetto. chi e' bello, era piu' o meno la conclusione, fa lavorare con piu' piacere e quindi piu' profitto chi gli sta intorno, quindi assumete belle donne e siete a posto.
sorvoliamo pure sul merito della questione che sembra indifendibile a meno di non usare toni veteroqualcosa, sorvoliamo sull'ovvio e vale a dire che e' chiaro che lavorare con gente che ogni tanto si fa una doccia e si da' una pettinata rende meglio che lavorare con pustolosi puzzolenti, sorvoliamo (con piacere) su vergassola che ha replicato che si trattava senz'altro di una boutade altrimenti lo stesso berlusconi dovrebbe tornare in miniera, ed entriamo nel merito della questione chiedendoci con quale criterio si sia scelta l'annunziata.