1.11.02

[cronaca vera] un'amica inglese qualche giorno fa mi ha rivelato l'inimmaginabile: haggis a parte (intestini di agnello o bue ripieni di interiora preparate con cipolle e spezie) uno dei piatti scozzesi piu' diffusi si chiama deep fried mars bar ed e' esattamente cio' che il nome promette, vale a dire barrette di mars passate prima in una pastella e poi fritte nell'olio bollente o nel burro per i palati piu' fini -ma per lo piu' le ricette indicano boiling grease - (Weight Watcher points: 2 bazillion).
in rete trovo un'infinita' di link al riguardo e naturalmente la ricetta (una per tutte si trova qui) qualche conseguenza (deep fried Mars Bars: Reducing dental health inequalities in Scotland), altre conseguenze come il piu' alto tasso di mortalita' per malattie cardiovascolari del mondo il che rende giustizia e nuova misura a un film che non mi era piaciuto ma del quale mi sfuggiva evidentemente il senso riposto: Bravehearth
*
cercando cercando trovo pure una versione di deep fried pizza che non ho il coraggio di approfondire, il chip roll (un panino imburrato imbottito di patatine fritte che pare si sposi benissimo con il whisky) e -infine e finalmente- un sito nel quale si ricordano i salmoni, il pesce, l'avena, le zuppe, i dolci.